La Cappella Sistina

It was on 1 November 1512 that Michelangelo Buonarroti’s masterpiece – the ceiling of the Sistine Chapel – was first exhibited.

Michelangelo (1475-1564) was a sculptor, painter, architect, poet, and engineer of the Renaissance period. His two best-known sculptures, the Pietà (in St Peter’s Basilica) and David (in Florence’s Art Academy) were created before he turned thirty. Pope Julius II commissioned him to paint the ceiling of the Sistine Chapel and Michelangelo accepted despite having a low opinion of painting. He took four years (1508-1512) to paint the frescoes which present scenes from Genesis. The two most famous scenes are The creation of Adam and Adam and Eve in the Garden of Eden. The ceiling frescoes cover an area of 500 square metres and contain over 300 figures.

As architect, he worked extensively on the plan of St Peter’s Basilica, especially the dome. Together with Leonardo da Vinci, Michelangelo is widely seen as the archetypal Renaissance man.

creazione_adamo2

Fu il 1° novembre 1512 che il capolavoro di Michelangelo – il soffitto della cappella Sistina – fu esibito per la prima volta.

Michelangelo (1475-1564) è uno scultore, pittore, architetto, poeta ed ingegnere del periodo rinascimentale. Creò le sue due sculture più famose (la Pietà che si trova nella Basilica di San Pietro e il David nella Galleria dell’Accademia a Firenze) prima di compiere 30 anni. Papa Giulio II gli chiese di dipingere il soffitto della Cappella Sistina e Michelangelo accettò nonostante ritenesse la pittura una forma d’arte inferiore alla scultura. Impiegò quattro anni (dal 1508 al 1512) per completare il soffitto, che presenta scene dalla Genesi. Le due scene più famose sono La creazione di Adamo e Adamo ed Eva nel Paradiso Terrestre. Gli affreschi del soffitto coprono un’area di 500 metri quadrati e contengono oltre 300 figure.

Come architetto, lavorò molto sul disegno della Basilica di San Pietro, soprattutto sulla cupola. Assieme a Leonardo Da Vinci, Michelangelo viene considerato il tipico Uomo universale.

Yvette Devlin